25/10/2014 21:30:00
TI LASCIO PERCHE' HO FINITO L'OSSITOCINA

d​i e con​ ​Giulia Pont
regia di Francesca Lo Bue

Sabato ​​25​​ ​​ottobre ore ​21.30
​​​Spazio Inaudito, entrata da Via XXV Aprile, Rho (MI)​

ingresso libero, uscita a cappello
con prenotazione a spettacoli.teatrodellarmadillo@gmail.com​
entro le 12.00 del sabato dello spettacolo.​


25/10/2014 20:30:00
4 STORIE IN COMUNE

della Compagnia dei Padernilli
​con Anna Albo, Carolina Blancato, Valentina Chiarioni, Alessandra Citterio, Andrea Mambretti, Barbara Pianta, Giuseppe Mansi, Alice Mosca, Simona P​i​zza
Soggetto di Andrea Mambretti
Regia di Laura Patti

Sabato 25 ottobre,​
ore 20.30 Tè marocchino e tartine​ di benvenuto
​ ​ore 21.00 inizio spettacolo
Villaggio Ambrosiano, fraz. di Paderno Dugnano, Via Tripoli, 92

INGRESSO LIBERO E GRATUITO
​Il ​​tè marocchino e ​le ​tartine​ di benvenuto sono offert​i​ dalla Rete Intercultura delle Scuole di Paderno Dugnano


11/10/2014 21:30:00
​L'INFINITO NON BASTA SERVE ALMENO UNA CAMERA IN PIÙ

della compagnia ​Attori Seriali
con​ ​​​Andrea Alemani, Silvano Crespi, Alessia D'Arma, Stefania Vianello

​​​Sabato ​​​11 ​ottobre ore ​21.30
​Spazio Inaudito, entrata da Via XXV Aprile, Rho (MI)​

ingresso libero e gratuit​​​o
​con prenotazione a spettacoli.teatrodellarmadillo@gmail.com



11/10/2014 21:00:00
SPETTACOLO D'AUTUNNO - RASSEGNA TEATRALE
​​
Rassegna teatrale allo Spazio Inaudito
dal 11 Ottobre al 20 Dicembre

Spazio Inaudito - entrata da Via XXV Aprile, Rho (MI)​
ingresso libero e gratuito​
con prenotazione ​a​ spettacoli.teatrodellarmadillo@gmail.com




MASQUERADE
"Qui nulla può ferirvi! Non il tempo, non la pestilenza! Qui ci sono ballerini, musici, feste, luce e sicurezza... E fuori dalle mura, e solo laggiù, la Morte Rossa! Ignoriamo quest’orologio! Allontaniamocene! La festa si sposti nei nostri splendidi giardini!"
LA VOCE DELLA BELVA
"All’inizio andava tutto bene. I cacciatori riportavano maiali e capre da mangiare. Il nostro gruppo raccoglieva il cibo rimasto nei supermercati che non erano crollati. Giocavamo molto. Fra le rovine, nei palazzi abbattuti, nelle case abbandonate e pericolanti. Lavoravamo anche ai rifugi. Il primo rifugio lo costruimmo tutti assieme. Era un lavoro davvero ottimo! Il secondo rifugio lo costruimmo noi e metà del gruppo: non era un granché, eravamo in pochi. Il terzo rifugio lo costruimmo da sole, mentre gli altri giocavano: crollò dopo un’ora, abbattuto dal vento. I cacciatori cominciarono anche a far rispettare le leggi con la forza. Costrinsero quelli che giocavano a ricostruire il rifugio crollato, minacciandoli di picchiarli se non l’avessero fatto. Chiunque non facesse il proprio dovere, subiva lo stesso trattamento. La cosa peggiore è che sembrava si divertissero. Poi arrivò... La belva."
ATTO SENZA NOME
"Ebbene, misteriose, nere streghe di mezzanotte! Che cosa fate?" "Un atto senza nome." La notte. Il sonno, o la sua assenza. Macbeth è insonne, perché "Macbeth ha ucciso il sonno, Macbeth non dormirà mai più!"; Lady Macbeth è sonnambula e vaga per la casa preda dei suoi incubi. Le streghe sono la materializzazione dell'inconscio, come nell'opera di Goya: il sonno della ragione genera mostri.
L'AMORE RECITATO MALE
"Capiti proprio al momento giusto." "Io, signore?" "Sì, figliolo. Scriverai storie per i miei uomini. Una per ogni notte ne leggerai. Saranno storie di donne. D’amore e di passione. Questo farai." L’amore, minchia. Non ne so dire. Niente ne so. Pietra. Pietra serena è il mio cuor. Ma c'è amore dappertutto e io sto imparando a nuotare.





ARMADILLO
INAUDITO
SCOLASTICI

ARMADILLO
INAUDITO